Data: 25 Gennaio 2022 (terminato)
Ore: 18:00
Categoria: Film
Sezione: PREMIO CORSO SALANI
Luogo: Cinema Ambasciatori
Viale XX Settembre, 35, 34126 Trieste TS
ACCREDITO TRIESTE e/o MYMOVIES
PRENOTA IL TUO POSTO IN SALA A TRIESTE

INSULTATI. BIELORUSSIA


(The Insulted. Belarus)
Caterina Shulha

Italia / Italy
2022, HD, col., 84’
v.o. italiana / Italian o.v.

Sceneggiatura / Screenplay: Andrej Kurejčik. Fotografia, montaggio / Photography, editing: Donato Sileo. Suono / Sound: Boris Riccardo D’Agostino. Interpreti / Cast: Ambra Angiolini, Luca Argentero, Ivano De Matteo, Giacomo Ferrara, Stefano Fresi, Carla Signoris, Caterina Shulha. Produzione / Produced by: Dakota Film Lab.

ANTEPRIMA ASSOLUTA – PREMIO CORSO SALANI FUORI CONCORSO

Il progetto Insultati. Bielorussia. nasce per far conoscere la terribile situazione politica in Bielorussia dopo le elezioni di agosto 2020. Il popolo bielorusso è sceso in strada per combattere pacificamente l’ultimo dittatore d’Europa, Aleksandr Lukašenko, al suo sesto mandato (è al potere dal 1994). Caterina Shulha e sua madre, essendo bielorusse, hanno deciso di mettersi in prima linea per far conoscere quanto più possibile questa situazione. Andrej Kurejčik sceneggiatore, drammaturgo e regista teatrale ha scritto una pièce teatrale su questo tema, motivo per cui è dovuto scappare all’estero a seguito delle minacce ricevute. Il testo, portato in scena in 25 paesi del mondo, è stato tradotto in italiano da Giulia Dossi. Caterina Shulha ha deciso di impegnarsi per portare in scena questo progetto anche nel nostro paese. La pièce prevede 7 personaggi, un cast d’eccezione per dar voce a questa orribile situazione: fra gli altri, Lukašenko è interpretato da Stefano Fresi. Ambra Angiolini è Svetlána Tichanóvskaja, la presidente eletta dal popolo bielorusso fuggita in Lituania.

Caterina Shulha
Attrice e regista, è nata nel 1993 a Grodno, in Bielorussia. Si trasferisce in Italia nel 2006 e nel 2011 debutta a teatro. Insultati. Bielorussia è il suo primo lungometraggio come regista.

2022 Insultati. Bielorussia