EXIL

(Esilio)
Visar Morina

Germania – Belgio – Kosovo
2020, HD, col., 121’
v.o. tedesca – albanese

Sceneggiatura / Screenplay: Visar Morina. Fotografia / Photography: Matteo Cocco. Montaggio / Editing: Laura Lauzemis, Hansjörg Weißbrich, Visar Morina. Musica / Music: Benedikt Schiefer. Suono / Sound: Dirk Bombey. Scenografia / Art Director: Christian Goldbeck. Costumi / Costume Designer: Gitti Fuchs. Interpreti / Cast: Mišel Matičević, Sandra Hüller, Rainer Bock, Thomas Mraz, Flonja Kodheli. Produzione / Produced by: Komplizen Film. Coproduzione / Co-produced by: Frakas Productions, Ikonë Studio, WDR, ARTE, VOO, BeTV. Con il sostegno di / Supported by: Film- und Medienstiftung NRW, Federal Government Commissioner for Culture and the Media, German Federal Film Fund, Tax Shelter of the Belgian Federal Government, Casa Kafka Pictures Movie Tax Shelter Empowered by Belfius, Medienboard Berlin-Brandenburg, Eurimages, Kosovo Cinematography Center, German Federal Film Board. Distribuzione internazionale / World Sales: The Match Factory.

ANTEPRIMA ITALIANA

Xhafer, un ingegnere farmaceutico di 45 anni originario del Kosovo e che vive in Germania, si sente vittima di discriminazione e bullismo sul posto di lavoro per ragioni etniche . Quando Xhafer trova un ratto morto appeso al cancello di casa, è convinto che i colleghi razzisti ne siano responsabili. Ogni fatto, parola e gesto rinforzano i suoi sospetti. Il suo malessere cresce di giorno in giorno. La moglie Nora, tedesca, è stanca di sentirlo parlare di questioni razziali. Forse i colleghi semplicemente non lo apprezzano? O c’è altro dietro la loro ostilità? Tutto questo è solo nella sua mente o è reale?
Miglior film al’ultimo festival di Sarajevo.

Il conflitto evocato nel film in certa misura attinge alla mia esperienza, arrivai in Germania a 15 anni, non parlavo la lingua e ho dovuto lottare per trovare il mio spazio a scuola e nel privato … Ma il film non è autobiografico in sé … Trovo che in Occidente ci sia spesso una grande arroganza verso le persone provenienti da paesi economicamente deboli. Esiste un senso di superiorità percepito nell’educazione, nella libertà di pensiero e nei modi … Ho scritto il film nel 2016, un anno particolare: l’atteggiamento verso i rifugiati era diverso … Ho avuto la sensazione che il paese stesse cambiando, regnava la paranoia. La mia impressione era naturalmente anche influenzata dal materiale su cui lavoravo ogni giorno… Non ho fatto questo film pensando a una problematica specifica, ma ho cercato di rendere visibili i meccanismi che conducono all’esclusione, così come ho voluto sottolineare quell’incertezza che un po’ alla volta ti cresce dentro.” (V. Morina)

Visar Morina
Regista e sceneggiatore, è nato nel 1979 a Pristina, ora Kosovo, e ha studiato all’Accademia KHM a Colonia. Il suo film di debutto Babai ha ricevuto numerosi premi ed è stato presentato anche al Trieste Film Festival nel 2016. Exil è stato presentato in anteprima al Sundance Film Festival 2020, e successivamente alla Berlinale e al festival di Sarajevo.

filmografia scelta / selected filmography
2010
Der Schübling cm / sf 2013 Von Hunden und Tapeten cm / sf 2015 Babai; Premi / Awards: Karlovy Vary IFF: Miglior regia / Best director 2020 Exil (Exile); Premi / Awards: Sarajevo FF – Miglior film / Best Feature Film

Komplizen Film
Berlin, Germany
tel. +49 30 78893340
www.komplizenfilm.de

The Match Factory
Domstrasse 60
50668 Cologne
Germany
tel. +49 221 5397090
info@matchfactory.de
www.the-match-factory.com

Data

25 Gen 2021

Ora

20:00

INFO

ACQUISTA L'ACCREDITO

MyMovies