LIBRO DI GIONA

Zlatolin Donchev

Italia – Bulgaria
2020, HD, col., 72’
v.o. italiana

1) Lei lavora tra cinema e arte contemporanea e questa visione si materializza bene in Libro di Giona. Un film dalla struttura formale rigorosa, uno sguardo, il suo, che sa osservare e ascoltare, creando una tensione che fa vibrare le immagini, che si avvicina più alla poesia che alla prosa. Quali sono i suoi punti di riferimento e qual è stato il rapporto produttivo e creativo con i De Serio?
2) L’auto che il protagonista Massimiliano Piccardo ha scelto come casa temporanea è il set principale del film. E i vetri della macchina sono usati come filtro, specchio, ‘schermo’ in cui riflettersi dall’esterno o essere riflessi dall’interno. Inquadrature dentro l’inquadratura, spazi visivi che si aprono e moltiplicano…
3) In un’intervista ha detto di avere voluto costruire un ritratto di Massimiliano a partire dalla sua pelle. La pelle come ulteriore superficie riflettente?

Sceneggiatura, fotografia, montaggio / Screenplay, Photography, Editing: Zlatolin Donchev. Suono / Sound: Giovanni Corona. Interpreti / Cast: Massimiliano Piccardo, Elena Carta. Produzione / Produced by: Gianluca De Serio, Massimiliano De Serio. Coproduzione / Co-produced by: Massimiliano Piccardo.

In una piccola automobile colma di oggetti, Massimiliano è immerso nella lettura di un libro. Lì dentro mangia, dorme e sogna. Costellazioni di fotografie, scattate da lui con un vecchio telefonino, intrecciano la sua vita quotidiana con quella interiore. Massimiliano vive per strada, nel ventre della sua macchina; ma avendone la possibilità ce la farà a uscirne e a voltare pagina?
Premio Tënk all’ultima edizione del Festival dei Popoli.

Conosco Massimiliano da diversi anni. E da due l’ho filmato. L’ho seguito nella sua vita di strada, costretto ad abitare nella sua automobile dopo aver rifiutato il passato e la famiglia. Ne parlava poco, la sua mente era occupata con la sopravvivenza quotidiana … Le riprese del documentario venivano svolte per lo più quando Massimiliano sentiva il bisogno di incidere la sua storia, assumevano il carattere di un testamento … la fotografia era un mezzo non verbale di comunicazione tra me e Massimiliano, e su quest’affinità all’immagine abbiamo costruito la nostra amicizia. E il nostro film.” (Z. Donchev)

Zlatolin Donchev
Nato a Pechino nel 1990, è un filmmaker bulgaro. Ha studiato pittura in Bulgaria e in Italia, e regia nella scuola APM di Saluzzo. Vive e lavora tra Genova e Sofia. Libro di Giona è il suo primo film.

filmografia scelta / selected filmography
2020 Libro di Giona doc.; Premi / Awards: Festival dei Popoli IDFF – Premio Tënk / Tënk Award

Massimiliano De Serio
Via Graziadio Ascoli 7
10144 Torino
Italy
massimilianodeserio@gmail.com

Data

27 Gen 2021

Ora

14:00

INFO

ACQUISTA L'ACCREDITO

MyMovies