SƏPƏLƏNMİŞ ÖLÜMLƏR ARASINDA

(Tra una morte e l’altra)
Hilal Baydarov

Azerbaigian – Messico – USA
2020, HD, col., 88’
v.o. azera

Sceneggiatura, montaggio / Screenplay, Editing: Hilal Baydarov. Fotografia / Photography: Elshan Abbasov.  Musica / Music: Kanan Rustamli. Suono / Sound: Orkhan Hasanov, Daniel Timmons, Ben Kruse. Interpreti /Cast: Orkhan Iskandarli, Rana Asgarova, Maryam Naghiyeva, Huseyn Nasirov, Kamran Huseynov, Samir Abbasov, Murvat Abdulazizov, Kubra Shukurova, Narmin Hasanova, Oktay Namazov, Gulara Huseynova, Parviz Isagov, Gulnaz Ismayilova. Produzione / Produced by: Ucqar Film. Coproduzione / Co-produced by: Splendor Omnia Studios, Louverture Films. Distribuzione internazionale / World Sales: Pluto Film.

Davud è un giovane incompreso e irrequieto, in cerca della sua “vera” famiglia, di coloro che nel profondo porteranno amore e significato nella sua vita. Quando, nel corso di una giornata, si trova a vivere una serie inaspettata di incidenti, che risulteranno fatali per diverse persone, riemergono ricordi invisibili, vicende e preoccupazioni. Davud è catapultato in un viaggio all’insegna della scoperta, fino a quando riesce ad accettare il fatto che vivere in pericolo è il suo destino e che la morte avrà sempre la meglio rispetto alle sue vicende personali: liberarsene sarà la sua iniziazione a una vita piena e completa. Dopo avere intrapreso un cammino in divenire, alla fine Davud ritorna nel luogo dove ha sempre vissuto e all’amore che da sempre era lì.
Presentato in anteprima in concorso all’ultima Mostra del cinema di Venezia.

Tema centrale di tutto il mio lavoro è l’individuo che cerca di comprendere la ragione per cui vive ed è presente, qui e ora, in questo mondo. Penso a qualcuno che non sa amare e tuttavia crede solo nell’amore. A una persona che cerca di trovare la sua vera famiglia, certa che solo questo porterà un vero significato nella sua vita. In questa storia Davud è la persona che ci ricorda le possibilità dell’amore … Ho sempre in mente una frase di Bresson: ‘sentire prima di capire’ e così mi sono sempre concentrato sui momenti di ispirazione … coloro con i quali lavoro proficuamente sono per lo più la mia famiglia e alcuni amici a me molto vicini. In un posto come l’Azerbaigian, possono esserci molte restrizioni e limitazioni, ma confesso di amarle. In qualche modo hanno costretto me, e tutti noi, a trovare nuovi modi per esprimere le nostre emozioni.” (H. Baydarov)

Hilal Baydarov
È nato nel 1987 a Baku, in Azerbaigian. Dopo la laurea in informatica, ha studiato regia alla scuola di cinema di Sarajevo sotto la guida del regista ungherese Béla Tarr. Il Trieste FF lo scorso anno ha presentato il suo Ana və oğul (Mother and Son), mentre Beynimdəki mismarlar (Nails in my Brain, 2020) è stato selezionato nel concorso documentari di questa edizione.

filmografia scelta / selected filmography
2018 Adsız Yüksəkliklər (Hills Without Names); Ad Günü doc.; Selimpaşada Bir Gün doc. 2019 Xurmalar yetişən vaxt (When the Persimmons Grew) doc.; Premi / Awards: Sarajevo FF – Miglior documentario / Best Documentary; Ana və oğul (Mother and Son) doc. 2020 Beynimdəki mismarlar (Nails in my Brain) doc.; Səpələnmİş ölümlər arasinda (In Between Dying)

Ucqar Film
ucqarfilm@gmail.com
www.ucqarfilm.com

Pluto Film
Schliemannstr. 5
10437 Berlin
Germany
tel. +49 30 21918220
info@plutofilm.de
plutofilm.de

Data

21 Gen 2021

Ora

14:00
Sezione

INFO

ACQUISTA L'ACCREDITO

MyMovies