TATĂL NOSTRU

(Padre nostro)
Andrei Dăscălescu

Romania
2020, HD, col., 85’
v.o. rumena

1) Holy Father è un film in prima persona, lei è costantemente in campo, ha deciso di filmarsi condividendo le emozioni che stava provando non solo con le persone che le stavano accanto ma con la macchina da presa stessa. Questa scelta dà al film una forte dimensione teorica. Che cosa significa per lei filmare, usare una macchina da presa o una videocamera?
2) Il suo è un film-viaggio, potremmo anche chiamarlo un road movie. C’era fin da subito l’idea di filmare le tappe del percorso che l’hanno portata dalla Romania al Monte Athos in Grecia attraverso paesi, strade e fiumi, facendo così sentire concretamente sia l’allontanamento da un ambiente e da una persona (la casa, la compagna) sia l’attesa di raggiungere un nuovo ambiente e una nuova persona (il monastero, il padre)?
3) Da una parte c’è la descrizione degli incontri con suo padre e dall’altra ci sono le scene che mostrano l’evolversi della relazione fra lei e la sua compagna incinta. A proposito del creare la sua propria famiglia, ha usato l’espressione “territorio sconosciuto”. Ma anche la scelta non facile di tessere un nuovo rapporto con il padre ha a che fare con l’incamminarsi in un “territorio sconosciuto”. Non trova?

Sceneggiatura, fotografia / Screenplay, Photography: Andrei Dăscălescu. Montaggio / Editing: Ștefan Pârlog, Andrei Dăscălescu. Suono / Sound: Dan Ștefan Rucăreanu, Ioan Filip, Matei Vasilache. Produzione / Produced by: Filmlab. Coproduzione / Co-produced by: HBO Europe. In associazione con / In association with: Tangaj Production. Con il sostegno di / Supported by: Romanian Film Centre. Distribuzione internazionale / World Sales: CAT&Docs.

ANTEPRIMA ITALIANA

Il regista Andrei e la sua fidanzata Paula diventeranno genitori. Mentre la futura mamma fatica a trovare un modello da seguire nella sua famiglia disgregata, il futuro papà deve riuscire ad accettare il rapporto ritrovato con suo padre, che è diventato monaco e vive da molti anni sul Monte Athos.
Uno dei progetti selezionati nel 2020 da “Last Stop Trieste”, Tatăl nostru ha vinto il Premio speciale della giuria all’ultima edizione del festival di Sarajevo.

Quando avevo sei anni, mio padre lasciò la nostra famiglia. Appresi solo anni dopo che era diventato un monaco. Ora che io stesso diventerò genitore, ho bisogno di capire come farlo al meglio. Il film racconta l’incontro con mio padre e il tentativo di capire la sua decisione di lasciare noi e tutte le cose terrene in favore di Dio. Sarebbe stato forse più facile per me se si fosse creato una nuova famiglia, perché ho sempre avuto la sensazione di competere con ‘l’invisibile e onnipotente’. Con questo film volevo conoscerlo e capire meglio lui e me stesso. Le difficoltà e i dubbi erigono muri che sono poi difficili da abbattere.” (A. Dăscălescu)

Andrei Dăscălescu
Documentarista, direttore della fotografia e montatore è nato nel 1984 a Piatra Neamț, in Romania. Nel 2007 ha fondato la società di produzione Filmlab.

filmografia scelta / selected filmography
2008
Constantin si Elena doc.; Premi / Awards: IDFA – Miglior debutto / First Appearance Award 2016 Planeta Petrila doc. 2020 Tatăl nostru (Holy Father) doc.; Premi / Awards: Sarajevo FF – Premio speciale della giuria / Special Jury Prize

Filmlab
40 Argentina Street
011754 Bucharest
Romania
anda.iulia.ionescu@gmail.com

CAT&Docs
18 rue Quincampoix
75004 Paris
France
tel. +33 1 44617748
info@catndocs.com
www.catndocs.com

Data

24 Gen 2021

Ora

14:00

INFO

ACQUISTA L'ACCREDITO

MyMovies